Fuochi nella notte di San Giovanni I.G.T. Bencaco Bresciano Rosso - 2016

filler

prezzo Cad.:
€25,52

descrizione

Un rosso per le serate importanti e per tutte le volte in cui si ha la sensazione che l'una non valga l'altra. Un modo per sottolineare un evento, per dare a un gesto il giusto significato. Mi vengono in mente serate fredde, camini accesi, case di campagna, cappotti di velluto su abiti da sera luminosi, appuntamenti tanto attesi, serate intime, rosso.

 

CONSIGLIO TECNICO

Descrizione: Benaco Bresciano Rosso IGT (Benaco Bresciano Rosso)

Vinificazione e affinamento: Acciaio e 12 mesi in barrique.

miscela: Merlot, Marzemino, Rebo.

 

DEGUSTAZIONE

Il tono granato maturo, la vivacità, la brillantezza del tono e la densità del colore materico suggeriscono una struttura calda e avvolgente, al naso è intenso e preciso in ampiezza e sostenibilità, i descrittori sono il fruttato maturo del fondente, conservato in alcol ciliegie, prugne dolci, caramello e frutti rossi sotto spirito, una nota piccante che è dolce come la vaniglia, e un eucalipto fresco. In bocca la morbidezza e il calore dell'alcol ci riporta ai pomeriggi di questa calda annata, un carattere persistente e morbido che ritorna piacevolmente grazie alla frutta matura, così da non catturarne il gusto e l'olfatto senza un buon tannino acido equilibrio.

 

ABBINAMENTO

Vuole piatti con carni rosse a lungo bollito, selvaggina, brasati e stufati. Formaggio stagionato dal carattere bagoss degli alpeggi, delle vacche rosse del Reggiano o del Pecorino di fossa.

 

CURIOSITÀ

Fuochi nella notte di San Giovanni è prodotto nelle migliori annate e con le migliori uve dei vigneti più antichi. Raccolti in scatole, vengono passati brevemente. Il vino viene affinato in piccole botti di rovere, alcune delle quali vengono riutilizzate. Migliora con un lungo affinamento in bottiglia.

Il nome del vino celebra la notte di San Giovanni, la notte più corta dell'anno, magicamente raccontata da Giovanni Lindo Ferretti in musica. Per secoli, i contadini di tutta Italia hanno acceso fuochi quella notte per conciliare una buona stagione del raccolto e cacciare il male dai loro villaggi.