Boemi-Knödeln
0 Commenti
Durante la prima guerra mondiale la popolazione della Valle di Ledro fu evacuata in Boemia e Moravia. Durante la guerra, le donne trentine impararono a cucinare alcune specialità bohémien che entrarono a far parte della tradizione di Ledro. Tra questi gli gnocchi boemi, che possono essere serviti come dessert o come accompagnamento a piatti della tradizione trentina come i crauti o lo spezzatino.

Ingredienti degli gnocchi di boemi
  • 30 g di lievito di birra
  • 1 kg di farina bianca
  • ½ l di latte
  • Prugne
  • sale
  • burro
  • Cannella o semi di papavero
  • zucchero
Preparazione degli gnocchi di boemi:

Sciogliere il lievito in un po 'di latte, quindi aggiungere il latte rimanente, un po' di sale e la farina, lasciandone un po 'per l'impasto successivo. Impastate fino a formare una palla di pasta lievitata, coprite con un canovaccio e lasciate lievitare in caldo per circa due ore. Quando l'impasto sarà raddoppiato di volume, aggiungete la farina rimanente e lavorate l'impasto fino a renderlo ben amalgamato e morbido. Avvolgere una porzione di pasta attorno a una prugna e formare delle palline. Lasciati raddrizzare per circa tre quarti d'ora. Preparate una casseruola con abbondante acqua salata. Quando bolle, saltate gli gnocchi e fateli cuocere per circa 10-12 minuti rigirandoli di tanto in tanto. Nel frattempo sciogliete il burro. Cospargere gli gnocchi con zucchero e cannella e aggiungere il burro. In alternativa, potete formare delle semplici palline di pasta, lessarle in acqua salata e servire come accompagnamento al gulasch o allo spezzatino.


lascia un commento

Tutti i commenti sono moderati prima della pubblicazione